';

FAQ

DOMANDE?

Leggi le nostre FAQ

La durata di un percorso di psicoterapia cognitiva può variare da qualche mese a qualche anno e dipende dalla costanza del lavoro e dai tempi soggettivi di cambiamento.

 

La frequenza prevista per un percorso psicologico o psicoterapeutico di stampo cognitivo è preferibilmente di un colloquio a settimana. Questa cadenza permette il giusto equilibrio tra lavoro in seduta e tempo di rielaborazione soggettiva.

La decisione di intraprendere un percorso psicologico o psicoterapeutico rappresenta una scelta utile ma anche impegnativa sia emotivamente che economicamente. Per questo motivo durante la prima seduta verranno esplicitate le condizioni pratiche ed economiche con la garanzia che tali condizioni non subiranno modifiche per tutta la durata del percorso. In alcuni casi è prevista la possibilità di concordare una tariffa che sia accessibile e sostenibile dal punto di vista economico.

 

Le spese sostenute per le sedute, purché appositamente documentate, possono essere interamente portate in detrazione al capitolo “spese mediche e sanitarie”, fino ad un tetto massimo di €15.493,71 all’anno. Il terapeuta deve rilasciare apposita fattura attestante l’importo della sua tariffa, i suoi dati fiscali e quelli di iscrizione all’albo degli psicologi. Non si possono infatti detrarre spese di sedute svolte con persone non regolarmente iscritte all’albo.

Esistono ovviamente diversi motivi per i quali una persona può sentire il bisogno di iniziare un percorso di tipo psicologico. I più frequenti sono:

 

  • Fasi critiche della vita, momenti di difficoltà o di sofferenza; l’avvento di una crisi non è solo un ostacolo o un momento di impasse, ma rappresenta anche una preziosa opportunità di crescita e di evoluzione, se colta nel modo appropriato e con gli strumenti adeguati.

 

  • Fasi di cambiamento e momenti in cui è necessario prendere decisioni e trovare un nuovo equilibrio.

 

  • Quando si avverte un disagio psicologico o si incontra un momento/evento stressante o traumatico della propria vita.

 

  • Quando a causa di una difficoltà personale (ansia, paura, rabbia, tristezza, colpa,vergogna) si è costretti ad rinunciare ad aspetti importanti della propria vita.

 

  • In caso di disturbi psicologici conclamati (attacchi di panico, episodi depressivi, disturbi post traumatici, disturbi alimentari, insonnia, disturbi sessuali, etc).

 

  • In caso di separazioni o lutti.

 

  • Per migliorare la qualità della propria vita, la propria salute, il rapporto con il proprio corpo ed il proprio benessere psicofisico.

 

  • Quando si ha la motivazione di approfondire le ragioni profonde del proprio malessere.

 

  • Quando, nonostante un buon livello di benessere globale, si incontrano scelte, decisioni e momenti di vita complessi da affrontare.

Scrivici una Mail

METTITI IN CONTATTO

CPCS

DOVE TROVARCI

INDIRIZZO: Via Francesco Lomonaco, 10 – 20131 – Milano

E-MAIL: centropsicologiacittastudi@gmail.com

TELEFONO: 338 1604 532